ricotta in gravidanza
Alimentazione Gravidanza

Ricotta in gravidanza: sì o no?

La ricotta si può mangiare o rientra tra i formaggi da evitare in gravidanza? Quali sono i valori nutrizionali? Scopriamo insieme cosa c’è da sapere sulla ricotta e sui formaggi in gravidanza.

Ricotta e gravidanza

Ci sono diversi cibi vietati in gravidanza, a causa delle possibili conseguenze su mamma e bambino, ed è bere fare attenzione. Le future mamme, però, spesso si chiedono: “posso mangiare la ricotta in gravidanza?” La domanda non è banale, in quanto la ricotta rientra tra i latticini. La risposta non è univoca: la ricotta in gravidanza si può mangiare, se è stata prodotta con latte pastorizzato.
Vediamo nel dettaglio le caratteristiche che deve avere la ricotta e gli altri formaggi in gravidanza per essere considerati sicuri.

Ricotta fresca in gravidanza

Innanzitutto, va specificato che la ricotta non è un formaggio, bensì un latticino. Infatti, è prodotta cuocendo il siero latteo che si stacca dalla cagliata durante la produzione del formaggio.
La ricotta è un prodotto tipico del Lazio e di altre regioni, come Abruzzo, Basilicata, Sicilia, Sardegna, Campania, Puglia, Calabria, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia e Piemonte.
Ci sono diversi tipi di ricotta: di bufala, vaccina (dal gusto più delicato), ovina, caprina (più saporita) o anche miste.
Le lavorazioni della ricotta possono variare in base alle tradizioni regionali: fresca, stagionata, cotta al forno, affumicata o salata.
Si può mangiare ricotta in gravidanza purché sia prodotta con latte pastorizzato. Per questo motivo è consigliato optare per le ricotte industriali da supermercato, e rimandare l’acquisto di ricotta “artigianale” a dopo il parto.
La dose raccomandata per la donna in dolce attesa è di 70gr al giorno. La ricotta in gravidanza, così come gli altri formaggi e latticini “sicuri”, è essenziale per garantire il giusto apporto di calcio. In alternativa, si può consumare una tazza di latte o un vasetto di yogurt al giorno.

formaggi gravidanza


Leggi anche: Pecorino in gravidanza: quali rischi?

Ricotta: valori nutrizionali e calorie

Con le dovute accortezze, la ricotta è un latticino leggero e digeribile, e per questo consigliato nella dieta in gravidanza.
La ricotta di bufala in gravidanza, o ancora meglio quella di vacca, è quindi un’ottima scelta all’interno di una dieta varia ed equilibrata. Innanzitutto, è apprezzabile il basso contenuto di calorie della ricotta: quella vaccina, ha circa 130-160 kcal ogni 100 g di prodotto, 160 kcal quella ovina e 210-240 kcal la quella di bufala.
La ricotta vaccina contiene circa l’8% di grassi, mentre la ricotta di capra in gravidanza andrebbe consumata con più moderazione, dal momento che contiene fino al 24% di grassi.
Per la ricotta di vacca, i valori nutrizionali in media sono i seguenti:

  • Acqua 75,70 g;
  • Carboidrati disponibili 3,50 g;
  • Zuccheri solubili 3,50 g;
  • Proteine 8,80 g;
  • Grassi (Lipidi) 10,90 g;
  • Colesterolo 57 mg;
  • Sodio 78 mg;
  • Potassio 119 mg;
  • Calcio 295 mg;
  • Fosforo 237 mg;
  • Magnesio 17 mg.

stracchino gravidanza
Leggi anche: Frittata in gravidanza: tutto quello che c’è da sapere, consigli utili e ricette

Ricotta in gravidanza e toxoplasmosi

A causa dei possibili rischi per la salute, ci sono molti alimenti da evitare in gravidanza, tra cui alcuni formaggi.
Il rischio principale nei formaggi non è legato alla toxoplasmosi, quanto piuttosto alla listeriosi.
Questa infezione, causata dal batterio Listeria monocytogenes, è particolarmente pericolosa per le donne incinte poiché causa aborto involontario, morte fetale e parto prematuro. I sintomi sono mal di testa, confusione, perdita dell’equilibrio, rigidità del collo, febbre e convulsioni muscolari.
Se vogliamo mangiare ricotta in gravidanza dobbiamo quindi accertarci che sia stata prodotta con latte pastorizzato cercando la dicitura UHT sulla confezione. Per lo stesso motivo, va evitata la ricotta fatta in casa (anche per un eventuale rischio di contaminazione e salmonellosi).
ricotta fresca in gravidanza

Leggi anche: Coca-Cola in gravidanza: perché no?

Formaggi e latticini in gravidanza

Se non ci sono pericoli legati ai formaggi a pasta dura (come il parmigiano), in gravidanza sono da evitare i formaggi non pastorizzati, come quelli erborinati e freschi. Quindi quali formaggi si possono mangiare in gravidanza senza incorrere in rischi per la salute di mamma e bambino?
Vediamo nello specifico alcuni dei formaggi più diffusi:

  • Fontina in gravidanzasconsigliato, in quanto formaggio non pastorizzato;
  • Burrata in gravidanza: non comporta rischi per la salute, ma è un alimento abbastanza calorico, quindi da consumare con moderazione. Idem per il Galbanino in gravidanza, formaggio sicuro ma molto calorico!
  • Feta in gravidanza: alcune aziende utilizzano latte pastorizzato, altre invece no. Va quindi controllata con attenzione se è presente la dicitura UHT sulla confezione.
  • Asiago in gravidanza: si può consumare solo quello stagionato (mezzano, vecchio e stravecchio), mentre è da evitare quello pressato;
  • Crescenza in gravidanza: come per la feta e lo stracchino in gravidanza, si può consumare senza problemi solo se prodotta con latte pastorizzato UHT
  • Brie in gravidanza: purtroppo, per i 9 mesi di gestazione, questo formaggio non andrebbe consumato, insieme a Camembert, Gorgonzola e Roquefort;
  • Scamorza affumicata in gravidanza: da consumare solo se prodotta con latte pastorizzato;
  • Squacquerone in gravidanza: è un formaggio pastorizzato, quindi sicuro.
  • Parmigiano in gravidanza: nonostante sia prodotto con latte non pastorizzato, la lunga stagionatura (almeno 12 mesi) azzera ogni rischio.


Leggi anche: Bere latte in gravidanza: controindicazioni e benefici per la mamma e il bambino

Curiosità sulla ricotta

La parola ricotta viene dal latino recocta, per via della sua lavorazione. La ricotta viene infatti ricavata dal siero latteo che si stacca dalla cagliata durante la coagulazione delle proteine del latte. Questo processo, utilizzato per la produzione del formaggio, avviene a circa 80-90 °C. Il siero latteo per ricotta è poi ri-cotto e sistemato nei tipici recipienti perforati, per facilitare l’eliminazione del liquido in eccesso.
Anticamente, per la conservazione di questo latticino venivano impiegati cestini di vimini o di canne intrecciate, per far fuoriuscire il liquido in eccesso. Inoltre, in passato il siero utilizzato nella produzione della ricotta veniva acidificato con un mix di siero e limone o aceto, detto agra. Al giorno d’oggi vengono invece utilizzati degli acidificanti naturali, come l’acido lattico o l’acido citrico.
La ricotta è un prodotto tipico del Lazio e di altre regioni, come Abruzzo, Basilicata, Sicilia, Sardegna, Campania, Puglia, Calabria, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia e Piemonte.
formaggi gravidanza
Leggi anche: Stracchino in gravidanza: tutto quello che c’è da sapere

Ricette con la ricotta

La ricotta in gravidanza, abbiamo visto, è un alimento molto indicato. Possiamo consumarla da da sola, spalmata su una fetta di pane, o accompagnata da miele o salumi (con moderazione!). In più, grazie al suo sapore delicato, si presta a diverse ricette, sia salate che dolci. Molte regioni la adoperano nelle loro ricette più famose, come i cannoli in Sicilia, o la pastiera partenopea.
Se cercate ispirazione per l’utilizzo di questo formaggio, abbiamo scelto per voi le ricette più facili e sfiziose da provare in gravidanza.
Ricette salate con la ricotta:




Ricette dolci con la ricotta:




Leggi anche: I peperoni in gravidanza fanno male?