13 settimane di gravidanza
Gravidanza Settimane di gravidanza

13 settimana di gravidanza: la mamma, il bambino e gli esami da fare

Come cresce la pancia a tredici settimane di gravidanza e quanto è lungo il feto? Ecco tutto quello che c’è da sapere sul quarto mese di gravidanza e gli esami da effettuare durante la 13esima settimana.

Tredicesima settimana di gravidanza

La nausea è scomparsa, il senso di stanchezza si è affievolito e la pancia inizia a crescere. A 13 settimane di gravidanza la futura mamma è entrata nel vivo della dolce attesa, ha superato il momento più delicato, quello del primo trimestre, e può finalmente godersi il viaggio che terminerà a 40 settimane.
Ma tredici settimane a quanti mesi di gravidanza corrispondono? Come si presenta il feto con la 13 settimana? Quali sono i sintomi della mamma e gli esami da fare?
In questa fase della gestazione la donna entra nel quarto mese di gravidanza che inizia a 13 settimane + 2 giorni  e termina a 17 settimane + 4 giorni. Gli organi del bambino iniziano a funzionare, i cambiamenti ormonali per la mamma continuano e il corpo cambia velocemente.
In basso tutto quello che c’è da sapere sulla gravidanza nella tredicesima settimana con curiosità e consigli utili.

13 settimane di gravidanza: la mamma e i sintomi

Con la tredicesima settimana di gravidanza la pancia inizia a intravedersi, il ventre si allarga per ospitare il bambino che diventa sempre più grande. Molti fastidi che hanno caratterizzato l’inizio della dolce attesa, come le nausee, la stanchezza, gli sbalzi di umore e la sonnolenza si affievoliscono o scompaiono del tutto grazie al calo dei livelli dell’ormone della gravidanza, Beta-Hcg. La futura mamma con il secondo trimestre supera il periodo più critico, le 12 settimane in cui il rischio di aborto spontaneo è più alto, e recupera energia. In questa fase della gestazione si potrebbero però iniziare ad avvertire nuovi fastidi legati all’utero che cresce e ai cambiamenti ormonali. Ecco nel dettaglio con la tredicesima settimana di gravidanza i sintomi della gestante.

  • La pancia cresce. A 13 settimane di gravidanza la pancia inizia a intravedersi, ma sarà visibile soprattutto alla futura mamma, difficilmente gli altri la noteranno se si è alla prima gravidanza. Il pancino invece potrebbe essere più visibile nelle gravidanze successive. L’utero cresce, seguendo lo sviluppo del bambino, e si sposta verso l’alto. La pancia a 13 settimane di gravidanza potrebbe iniziare a tirare, può perciò essere utile massaggiare la pelle con olio di mandorle dolci in modo da renderla più elastica e prevenire l’insorgenza di smagliature. Inoltre con la tredicesima settimana di gravidanza e la pancia che cresce potrebbe essere utile anche iniziare ad acquistare qualche abito premaman oppure indossare indumenti più larghi e comodi.
  • Il seno si ingrandisce. A 13 settimane le areole diventano più grandi e più scure. Il seno si ingrandisce con il passare delle settimane di gravidanza per prepararsi all’allattamento.
  • Compare la linea alba. Con il quarto mese di gravidanza si inizia a vedere la linea alba (o linea nigra), una linea scura che parte dall’ombelico e arriva al pube. Alcune donne possono inoltre notare che l’ombelico inizia ad appiattirsi per poi sporgere nelle settimane finali della dolce attesa.
  • Vene visibili. L’aumento del flusso sanguigno potrebbe portare a rendere le vene più visibili soprattutto intorno al seno e all’addome.
  • Stitichezza. In questa fase della dolce attesa la futura mamma potrebbe iniziare ad avere qualche problema a livello gastrointestinale, causato dall’utero che cresce e inizia a comprimere gli organi interni. La donna potrebbe soffrire di stipsi, questo anche a causa degli ormoni come il progesterone. Il consiglio perciò è quello di adottare un’alimentazione ricca di fibre e quindi a base di frutta, verdura, legumi e cereali.
  • Mal di stomaco in gravidanza. A 13 settimane la futura mamma potrebbe iniziare a soffrire di bruciori di stomaco o notare una digestione più lenta, questo a causa della maggiore pressione sul tratto gastrointestinale e degli ormoni che tendono a rallentare il processo digestivo. Questo potrebbe provocare anche sensazioni di gonfiore e meteorismo. Fare pasti frequenti e poco pesanti può essere utile per evitare tali disturbi.
  • Gravidanza e dolori addominali. Con l’inizio del quarto mese la donna potrebbe accusare dei fastidi più o meno acuti all’addome, questo perchè l’utero inizia a fare maggior pressione sul ventre.
  • Dolore al legamento rotondo dell’utero. Durante la 13 settimana di gravidanza alcune donne iniziano a sentire un lieve dolore all’utero dovuto ai legamenti chi iniziano ad allungarsi per supportare la crescita dell’organo. In alcuni casi la donna potrebbe avvertire anche dei lievi dolori alle ovaie in gravidanza, anche se le fitte alle ovaie in genere sono avvertite di più nelle prime fasi della gestazione.
  • Mal di schiena. Tra i sintomi della gravidanza il mal di schiena è senza dubbio il più comune. L’utero che cresce e la postura della donna che cambia, potrebbero iniziare a far avvertire alla futura mamma fastidi alle articolazioni, alle anche e al bassa schiena.
  • Insonnia. Alcune donne potrebbero iniziare a far fatica a riposare bene, svegliandosi più volte durante la notte, questo a causa del corpo che cambia e degli stravolgimenti ormonali.

tredici settimane di gravidanza

Leggi anche: Undicesima settimana di gravidanza: feto, controlli da fare, curiosità

13 settimana gravidanza: il bambino

Il feto a 13 settimane inizia ad avere le sembianze di un piccolo uomo, le proporzioni della testa e del corpo infatti cambiano con il capo che occupa un terzo del corpo. La lunghezza del feto a 13 settimane è di circa 7.4 cm e il suo peso è di circa 22.9 grammi. Il piccolo ha una grandezza simile a una pesca e i suoi organi interni si stanno formando.
Ecco nel dettaglio come cresce il bambino nella tredicesima settimana di gravidanza.

  • Organi interni. Il pancreas, il fegato e l’intestino sono formati. Il feto inizia a produrre urina che verrà rilasciata nel liquido amniotico.
  • Organi genitali. Anche se il sesso del bambino non è ancora visibile dall’ecografia, i testicoli e le ovaie (a seconda se si tratti di un maschietto o una femminuccia) sono formati. Un feto femmina inoltre avrà già 2 milioni di ovuli nelle ovaie, che caleranno a 1 milione dopo la nascita. Gli organi genitali esterni inizieranno a formarsi, questo permetterà nelle settimane successive di capire se si è in attesa di un maschio o di una femmina.
  • Ossa, muscoli e arti. A tredici settimane di gravidanza inizierà a formarsi il tessuto osseo e le guance del piccolo inizieranno a riempirsi di muscoli, fondamentali per la suzione. Sulle punte delle dita inizieranno a svilupparsi le impronte digitali. Oltre a muovere braccia e gambe il feto a 13 settimane potrebbe essere in grado di mettere in bocca il pollice.

In basso sono illustrate una serie di immagini del feto a 13 settimane con foto di ecografie che mostrano nel dettaglio come appare il bambino in questa fase della dolce attesa.

13 settimana di gravidanza

feto 13 settimana

feto a 13 settimane

Leggi anche: Decima settimana di gravidanza: sintomi, trasformazioni ed esami da fare

Gravidanza 13 settimane: esami da fare

Con l’inizio del secondo trimestre di gravidanza, la futura mamma ha in genere già effettuato la prima ecografia, gli esami del sangue prescritti dal ginecologo e alcuni screening prenatali come il bitest e la translucenza nucale. A tredici settimane di gravidanza il medico potrebbe richiedere ulteriori accertamenti consigliando l’amniocentesi o la villocentesi.
Ecco nel dettaglio in cosa consistono questi due esami.

  • Villocentesi: è un prelievo dei villi coriali, la parte embrionale della placenta, che si effettua in genere dopo la decima settimana di gravidanza. Il prelievo può essere effettuato con due procedure, quella transcervicale o trans addominale.
  • Amniocentesi: è il prelievo di liquido amniotico dall’utero, attraverso una procedura transaddominale.

In questa fase della dolce attesa inoltre viene effettuata l’ecografia delle 13 settimane. Difficilmente con la 13 settimana di gravidanza è evidente se si aspetta un maschio o femmina.
Ecco nel dettaglio cosa si vede in gravidanza con l’ecografia a tredici settimane.

  • Organi interni. A tredici settimane il feto ha ancora una pelle trasparente che permette di vedere con l’ecografia i vasi sanguigni e gli organi interni. I genitali sono quasi formati, ma difficilmente dall’ecografia a 13 settimane una femmina sarà visibile, mentre un maschietto potrebbe già mostrarsi.
  • Battito. Il cuore del bimbo pulserà ancora molto velocemente, i battiti scenderanno con il proseguire della gravidanza.
  • Movimenti. L’ecografia a 13 settimane di gravidanza mostrerà il piccolo scalciare e muovere le braccia anche se la mamma ancora non riuscirà ad avvertire i movimenti.

gravidanza ecografia

Leggi anche: Nona settimana di gravidanza: sintomi, feto, ecografia

Tredicesima settimana: i video della gravidanza

Dopo aver scoperto come cambia il corpo della mamma nel quanto mese di gravidanza, come cresce l bambino e quali esami effettuare, ecco altri approfondimenti sulla tredicesima settimana di gravidanza con video esplicativi, consigli e filmati in 3D di ecografie. In basso è riportata anche un’ecografia a 13 settimane in cui è visibile il sesso del bambino, un filmato in cui si effettua l’amniocentesi e uno in cui viene eseguita la villocentesi.

Leggi anche: Ottava settimana di gravidanza: sintomi, feto, curiosità

Tredicesima settimana gravidanza: l’importanza del papà

La gravidanza al 4 mese porta i futuri genitori a iniziare a fantasticare sul bambino e sulla nuova vita a tre. Accanto alla gioia per l’arrivo di un pargoletto, a tredici settimane potrebbero iniziare a sorgere anche alcune ansie legate alla gravidanza e alla vita dopo il parto. Ecco perché in questa fase della dolce attesa il ruolo del papà è fondamentale. Il dialogo nella coppia aiuterà a confrontarsi sui timori che l’attesa di un bambino comporta e attenuare il senso di ansia. Iniziare a pensare alle cose da fare, stilare una calendario delle visite da effettuare e una lista delle cose da comprare potrebbe essere un modo per condividere le fasi della gestazione e tenere a bada incertezze e timori.
Inoltre con il secondo trimestre di gravidanza la futura mamma potrebbe non avere più nausee e sentirsi energica. La coppia perciò potrebbe ritrovare l’intimità e un nuovo affiatamento.

Leggi anche: Settima settimana di gravidanza: sintomi ed esami

13esima settimana di gravidanza: curiosità

Dopo aver letto quali visite effettuare nella 13esima settimana di gravidanza, e aver scoperto come cresce il bambino ecco una curiosità che forse non sapevi. Il movimento fisico in gravidanza fa bene non solo alla mamma ma anche al piccolo. Le endorfine sviluppate dallo sport creano una sensazione di benessere nel bambino. Inoltre in un articolo del New York Times del 2013, dal titolo “L’esercizio della mamma allena il cervello del bambino”, si ipotizza che lo sport fatto in gravidanza avrebbe dei benefici sull’intelletto del nascituro, che avrebbe una maggiore reazione agli stimoli. Insomma, dopo aver “sconfitto” le nausee via libera allo sport! Ovviamente nei nove mesi è consigliato svolgere un’attività dolce. Anche una semplice camminata di mezz’ora al giorno è sufficiente per stare in forma, aiutare la circolazione sanguigna e tenere a bada il peso.

tredicesima settimana di gravidanza

Leggi anche:

  1. Quattordicesima settimana di gravidanza
  2. Quindicesima settimana di gravidanza
  3. Dodicesima settimana di gravidanza
  4. Undicesima settimana di gravidanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *