sottaceti in gravidanza
Alimentazione Gravidanza

È sicuro mangiare i sottaceti in gravidanza?

Tra le voglie strane delle mamme in gravidanza c’è quella dei sottaceti. È sicuro mangiare cibo sottolio in gravidanza? Scopriamo insieme rischi e benefici

Sottaceti in gravidanza

Spesso durante la gravidanza alla mamma vengono le voglie più strane, alcune cercano cibi che in realtà non sono mai piaciuti, altre invece creano combinazioni improbabili con gli alimenti. Alcune voglie sono innocue e possono essere accontentate tranquillamente, altre invece creano qualche dubbio, come ad esempio la voglia di sottaceti.
È sicuro mangiare sottaceti o sottoli in gravidanza?
Scopriamo insieme se esistono delle controindicazioni o se invece possono essere mangiati tranquillamente dalle future mamme.

Cibo sottolio, si o no?

Iniziamo col dire che i sottaceti in gravidanza non sono pericolosi quindi possono essere mangiati tranquillamente. I sottaceti però hanno un valore nutrizionale molto basso. Un vasetto di olive in salamoia in gravidanza non apporta proteine, grassi o colesterolo quindi non apporta grandi benefici alla mamma o al bambino.
In gravidanza però la mamma e il bambino hanno bisogno di potassio e sodio, che possono essere integrati grazie al succo di sottaceto che assunto con moderazione può aiutare a soddisfare le esigenze di mamma e bambino.
Inoltre le calorie dei sottaceti, sono molto basse, 18 kcal in 100 grammi mentre i sottoli in gravidanza apportano circa 50 kcal ogni 100 grammi.
Il pericolo potrebbe nascere dalla conservazione; durante i procedimenti di preparazione potrebbero proliferare batteri e muffe pericolosi.
È importante quindi rispettare alcune norme prima di consumare sottaceti in gravidanza:

  • Scegliere i preparati industriali molto più sicuri rispetto a quelli fatti in casa;
  • Fare attenzione alla conservazione: i sottaceti vanno consumati al massimo uno o due giorni dopo averli aperti e conservati in frigo;
  • Scegliere sempre prodotti cotti, in modo da scongiurare l’eventuale presenza di agenti patogeni.

Alla base dei prodotti sottolio ci sono olio e aceto che di per sé non sono pericolosi. È importante però fare attenzione all’aceto in gravidanza solo se la mamma lamenta bruciore di stomaco, quindi è meglio limitarne l’assunzione. Lo stesso vale per l’olio in gravidanza che può essere consumato senza problemi, preferibilmente scegliendo quello extravergine di olive.
Pur non essendo pericolosi per le mamme e per il feto i sottaceti presentano comunque controindicazioni alle quali prestare attenzione.
Contenendo un’alta quantità di sodio i sottaceti possono essere consumati ma saltuariamente per non diventare un pericolo. Troppo sodio potrebbe portare pressione alta e danneggiare i reni del bambino ancor prima di nascere.
sottoli in gravidanza


Leggi anche: Cipolle In Gravidanza: Si O No?

Come consumare i sottaceti e i sottoli

Un’idea potrebbe essere consumare verdure sottaceto, in gravidanza, apportano vitamine e nutrienti che servono per dare energia alla mamma.
Tra i vari preparati sott’olio che si possono mangiare, con moderazione, in gravidanza ci sono:

  • le olive in gravidanza: utili per prevenire allergie ed asma nei bambini;
  • le acciughe: in gravidanza sono consigliate perché ricche di omega. Allo stesso modo possono essere consumate anche le acciughe sott’olio in gravidanza;
  • i carciofi; in gravidanza aiutano a ridurre la ritenzione idrica facilitando anche la circolazione del sangue. Si quindi ai carciofi sott’olio in gravidanza e ai carciofini sott’olio, sempre ricordando di non esagerare con le quantità.
  • i cetrioli sott’olio o sott’aceto: essendo composti prevalentemente da acqua sono ottimi perché contengono poche calorie e sono depurativi. Inoltre essendo ricchi di vitamine sono consigliati perché apportano ferro, calcio e potassio. È idea comune pensare che i cetriolini sott’aceto fanno male ma in realtà possono essere mangiati tranquillamente in gravidanza.
  • i pomodori secchi sott’olio in gravidanza: possono essere mangiati, sempre facendo attenzione alla provenienza del prodotto e alla sua conservazione.

Mentre questi alimenti, se mangiati con consapevolezza, possono solo far bene alla mamma placando le particolari voglie, ci sono altri cibi sottolio che dovrebbero essere evitati, tra questi peperoni e melanzane, in gravidanza poco digeribili dalle mamme e le alici marinate poiché il processo di lavorazione non assicura la totale assenza di agenti patogeni pericolosi per le gestanti.
Ovviamente a questi si accompagnano i più noti alimenti da evitare in gravidanza come cibi crudi come carne, uova o pesce e latticini non pastorizzati.
cibi da evitare in gravidanza
Leggi anche: Si Possono Mangiare Le Acciughe In Gravidanza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *