Rucola in gravidanza: si può mangiare o è da evitare?

La rucola è una verdura molto utilizzata nei piatti italiani. Ma è sicura per le mamme in gravidanza? Scopriamolo insieme

Indice

Verdura in gravidanza: la rucola

La donna quando è in attesa sa che deve prestare molta attenzione a ciò che mangia, per integrare al meglio tutte le sostanze che servono a lei e al bambino. Alcuni cibi più di altri sono consigliati in gravidanza, come ad esempio la verdura. Ma questo vale anche per la rucola? Scopriamo insieme se la rucola in gravidanza è indicata, quali sono i suoi benefici e se esistono o meno controindicazioni.

Rucola: valori nutrizionali e caratteristiche

Iniziamo col tranquillizzare tutte le mamme che amano questa verdura amara, sì, la rucola può essere integrata tranquillamente nella dieta in gravidanza, anzi è persino consigliata per le numerose proprietà.
La rucola ha poche calorie, circa 25 ogni 100 gr, il che la rende ideale per essere consumata durante la gravidanza. Inoltre è ricca di acqua, minerali e antiossidanti come il sulforafano, una molecola che è capace di contrastare l’insorgenza di tumori.
La rucola, come la maggior parte delle verdure è ricca di vitamine (A, B1, B2, B3, B5, C) e soprattutto vitamina K che svolge funzione anti-emorragica e protegge l’apparato osseo da eventuali infiammazioni. Contiene beta-carotene e il colesterolo per 100 gr è pari a zero, quindi può essere mangiata senza problemi.
Le proprietà benefiche della rucola la rendono una verdura importante per la protezione dell’organismo dalle aggressioni esterne, inoltre è ricca di:


Leggi anche: Si Può Mangiare Il Radicchio In Gravidanza?

Proprietà benefiche della rucola

Il consumo di rucola apporta molti benefici specie in gravidanza, sia alla mamma che al bambino. Vediamo insieme quali:


Leggi anche: Spinaci In Gravidanza: Si Possono Mangiare?

Rucola: effetti collaterali e controindicazioni

Mangiare rucola in gravidanza come abbiamo visto apporta molti benefici, ma è sempre opportuno non esagerare nel consumo, perché potrebbero esserci effetti irritanti, specie per il tratto gastrointestinale. La rucola in gravidanza è sconsigliata per chi prende farmaci anticoagulanti o per chi soffre di calcoli o insufficienza renale. Inoltre un consumo eccessivo di rucola può inibire la funzionalità della tiroide e avere effetti irritanti sull’organismo: si consiglia di non superare la dose di un piatto di rucola al giorno.
Inoltre come tutte le verdure, in gravidanza bisogna fare attenzione a come vengono lavate prima di essere consumate. Il lavaggio della verdura infatti è fondamentale per scongiurare la presenza di batteri pericolosi per la futura mamma e il bambino, come quelli della toxoplasmosi.
Per scongiurare il rischio di qualunque batterio è consigliabile preferire la rucola cotta. È indicata anche la rucola in allattamento a patto che non alteri il sapore del latte rendendolo troppo amaro e sgradito al bambino.

Leggi anche: Cavolfiore In Gravidanza: Un Alimento Sicuro Per Le Future Mamme?

Come assumere la rucola in gravidanza

La rucola si divide in:
rucola domestica, dalle foglie larghe;
rucola selvatica, presente tutto l’anno ha i fiori di colore giallo e cresce nelle zone miti.
La rucola è una verdura molto delicata e una volta acquistata va consumata in fretta, o conservata in frigo in sacchetto bucherellato per non più di due o tre giorni. Quando la si acquista bisogna fare attenzione che le foglie siano consistenti e di colore verde brillante. Ottima nelle insalate può essere usata anche per dare sapore alle zuppe. Una piccola curiosità riguardo la rucola è che nell’antica Roma veniva apprezzata per le sue proprietà afrodisiache ed utilizzata per preparare elisir d’amore.
Ecco un video interessante su come preparare il pesto di rucola

Leggi anche: Carciofi In Gravidanza: Un Toccasana Per Le Mamme